• LIGHTLAND E SUNPOWER: IL MEGLIO CHE C'E'

    LIGHTLAND E SUNPOWER: IL MEGLIO CHE C'E'

    PRESENTIAMO LA NUOVA GAMMA DI MODULI FOTOVOLTAICI SUNPOWER X21: SCEGLILI CON NOI! PRENOTA IL TUO IMPIANTO ORA Read More
  • LA NOSTRA OFFERTA SUNPOWER X21

    LA NOSTRA OFFERTA SUNPOWER X21

    SEI INTERESSATO ALLA TECNOLOGIA MIGLIORE PER IL FOTOVOLTAICO? ALLORA COGLI QUESTA OPPORTUNITA' Read More
  • LA QUALITA' DEI MODULI SUNPOWER

    LA QUALITA' DEI MODULI SUNPOWER

    I MODULI SUNPOWER SONO SUPERIORI A QUALUNQUE ALTRO MODULO. LEGGI PERCHE' Read More
  • SCEGLI IL MIGLIOR PRODOTTO SUL MERCATO, IL PIU' GARANTITO

    SCEGLI IL MIGLIOR PRODOTTO SUL MERCATO, IL PIU' GARANTITO

    SUNPOWER E' IL MIGLIOR PRODOTTO SUL MERCATO PER PRESTAZIONI E SICUREZZA Read More
  • SUNPOWER: FOTOVOLTAICO GARANTITO 25 ANNI

    SUNPOWER: FOTOVOLTAICO GARANTITO 25 ANNI

    CON SUNPOWER L'UTENTE RESIDENZIALE PUO DORMIRE SONNI TRANQUILLI Read More
  • MODULO SUNPOWER X21 ALTA RESA ANCHE IN CLIMI CALDI

    MODULO SUNPOWER X21 ALTA RESA ANCHE IN CLIMI CALDI

    SOLO 0.3% PER GRADO CENTIGRADO!!!! Read More
  • SUNPOWER TOSCANA LIGHTLAND

    SUNPOWER TOSCANA LIGHTLAND

    LIGHTLAND E' SUNPOWER IN TOSCANA LEGGI LA NOSTRA OFFERTA SUNPOWER Read More
  • BUSINESS PLAN 3 KWp SUNPOWER CON MODULI X21

    BUSINESS PLAN 3 KWp SUNPOWER CON MODULI X21

    INSTALLARE UN IMPIANTO FOTOVOLTAICO SUNPOWER RESIDENZIALE CONVIENE Read More
  • RISPARMIARE PER SEMPRE SULLA BOLLETTA ELETTRICA OGGI SI PUO'

    RISPARMIARE PER SEMPRE SULLA BOLLETTA ELETTRICA OGGI SI PUO'

    COME SI FA' A RISPARMIARE SULLA BOLLETTA ELETTRICA PER SEMPRE? Read More
  • LE QUALITA' COSTRUTTIVE DELLA CELLA MAXEON UTILIZZATA DA SUNPOWER

    LE QUALITA' COSTRUTTIVE DELLA CELLA MAXEON UTILIZZATA DA SUNPOWER

    PERCHE SUNPOWER PRODUCE IL MIGLIORI MODULI AL MONDO? Read More
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10

Lo scambio sul posto 2016: leggi questo articolo per capire cosa è lo scambio sul posto e perchè conviene

Lo scambio sul posto è un sistema di remunerazione del costo sostenuto per il prelievo dell'energia elettrica quando, attraverso un impianto fotovoltaico, otre che a prelevare energia si immette. Lo scambio sul posto viene sempre calcolato in euro, cioè sulla base dell'energia elettrica prodotta, immessa e prelevata si determina il controvalore in euro dell'energia scambiata sulla base delle regole dello scambio sul posto che andremo a spiegare.

E' bene subito precisare che chi installa un impianto fotovoltaico in scambio sul posto continua a pagare la bolletta elettrica sulla base dell'energia elettrica prelevata. L'energia elettrica prelevata, dall'installazione dell'impianto fotovoltaico, si riduce del 20-40% grazie dell'autoconsumo. L'autoconsumo è quella quantità di energia elettrica che viene prodotta dall'impianto fotovoltaico e istantaneamete consumata dall'utente in Scambio sul posto. 

Tramite i sistemi di accumulo è possibile aumentare fino al 90% la quantità di energia autoconsumata ma, vedremo in seguito, che avendo il sistema di accumulo un costo non trascurabile ed essendo ancora non ben inquadrati i requisiti degli stessi sistemi di accumulo richiesti dal gestore della rete elettrica, al momento ancora non è conveniente installarlo (neanche economicamente).

Torniamo allo scambio sul posto. La quantita di energia che viene immessa nella rete elettrica sarà la quantità di energia elettrica prodotta dall'impianto fotovoltaico MENO la quantità di energia elettrica autoconsumata.

L'energia elettrica immessa viene venduta e contabilizzata dal GSE, tramite lo scambio sul posto, e diviene un credito che l'utente ha nei confronti del GSE. Lo Scambio Sul Posto è Compatibile sia con la richiesta dei Certificati Bianchi che con la richiesta di Detrazione del costo dell'impianto Fotovoltaico attiva per tutto il 2016.

Se Vuoi Approfondire con noi la possibilità di richiedere un impianto fotovoltaico in Scambio Sul Posto, Richiedendo i certificati bianchi o detraendo il costo del tuo impianto, compila il Form

Compila il Form per richiedere un preventivo online e il Business Plan per il tuo IMPIANTO FOTOVOLTAICO e per Informazioni sullo SCAMBIO SUL POSTO 2016


Il valore in euro dell'energia immessa [CEI, kWh immessi x PUN] viene, tramite lo scambio sul posto, confrontata il valore in euro dell'energia prelevata. Il controvalore in euro dell'energia prelevata è l'energia elettrica prelevata anch'essa moltiplicata per il PUN [Oe, kWh prelevati x PUN]. A questo punto si confronta il controvalore in euro dell'energia elettrica immessa e il controvalore dell'energia prelevata. Il valore minimo tra i due viene chiamato controvalore in euro dell'energia scambiata.

A questo punto il GSE ha tutti i dati per calcolare il contributo dello scambio sul posto. Esso è la SOMMA tra il controvalore dell'energia scambiata e il prodotto tra un parametro, detto Cus, moltiplicato per l'energia scambiata [Es] che è il minimo tra l'energia elettrica immessa e l'energia elettrica prelevata.

Quindi il contributo in conto scambio dello scambio sul posto è:

Contributo in conto scambio = Min[Cei,Oe] + Cus x Es

Dato che l'energia prelevata e l'energia scambiata vengono valorizzate tramite lo stesso controvalore, PUN, diviene cruciale il termine Cus x Es cioe il controvalore in euro restituiti per i servizi di rete quali il trasporto e il dispacciamento. il Cus è tanto più alto quanto è alto il valore dell'energia scambiata e questo permette allo scambio sul posto di essere conveniente. Quindi il contributo in scambio sul posto non è altro che l'energia scambiata moltiplicata la somma di due fattori: il PUN e il Cus. Quindi

Contributo in scambio sul posto = [Cus+PUN] x Es

La somma di Cus e PUN si avvicina al costo sostenuto per il pagamento dei kWh prelevati con una differenza che può variare dal 10 % al 30 % in meno.

In questo modo tramite lo scambio sul posto si ottiene la restituzione del costo della bolletta elettrica sostenuta per un ammontare che varia dal 70 % al 90 %.

Come avvengono i pagamenti relativi allo scambio sul posto: I pagamenti effettuati dal GSE vengono corrisposti tramite due acconti semestrali di circa 1/4 del valore del contributo in conto scambio durante l'anno e un conguaglio annuale riferito ai dati dello scambio sul posto dell'anno precedente. Quindi praticamente nell'anno 2016 si pagano le bollette, si acqusiscono due acconti semestrali e nel 2015 (giugno) si percepisce il conguaglio dello scambio sul posto relativo all'energia scambiata nel 2016.

Nell'eventualità che l'energia immessa sia maggiore dell'energia prelevata, dato che entrambe vengono valorizzate con lo stesso coefficiente, PUN, si ha quel che viene definita una eccedenza. Questa eccedenza può essere liquidata in denaro (in occasione del conguaglio) oppure può essere riportata come "energia immessa aggiuntiva" per l'anno o gli anni successivi. Dato che l'impianto fotovoltaico viene progettato e dimensionato rispetto ai consumi dell'utente, se non si cambiano gli stessi consumi, è sempre conveniente farsi liquidare ogni anno le eccedenze in denaro. Va detto che tali eccedenze non sono parte dello scambio sul posto, ma sono una vera e pripria vendita che il GSE effettua per noi al prezzo del PUN gli introiti delle eccedenze devono essere dichiarate nella dichiarazione dei redditi e quindi saranno decurtate rispetto allo scaglione di reddito IRPEF.

Veniamo ora ai costi dello scambio sul posto. Il GSE preleva automaticamente 15 Euro all'anno per impianti fino a 3 kWp, 30 Euro all'anno per impianti da 3 kWp a 20 kWp è 45 euro per impianti superiori a 20 kWp.

Considerando dunque anche il caso peggiore, cioè avendo restituito dal GSE solo in 70% del costo della bolletta elettrica si ha in seguente esempio pratico:

Se il Costo dell'energia elettrica dovuto al Consumo pre installazione impianto è 1000 euro si ha:

Costo della bolletta annuale dopo l'installazione dell'impianto elettrico: 600 Euro grazie all'autoconsumo

Restituzione del denaro anticipato da parte del GSE 600 x 0.7 = 420 Euro

Quindi con un impianto fotovoltaico in scambio sul posto si passa da un costo annuo di 1000 Euro ad un costo annuo di 600 - 420 = 180 Euro

Se si avranno anche eccedenze è molto probabile che anche i 180 euro vengano assorbiti dalla vendita dell'energia elettrica. Supponiamo però che tale eccedenza non vi sia.

Avevamo detto, nelle prime righe dell'articolo che i sistemi di accumulo al momento non sono convenienti, vediamo di dimostrarlo. Un sistema di accumulo ha un costo variabile tra i 3000 euro e i 6000 euro (6000 euro per quei sistemi di accumulo che al momento sappiamo essere rispondenti alle specifiche ENEL/Gestore). Se attraverso il solo scambio sul posto si passa da un pagamento per il costo dell'energia elettrica annuale di 1000 euro ad un pagamento di 180 euro e si spende anche solo 3000 Euro per il sistema di accumulo, ipotizzando nessuna manutenzione al sistema stesso per rientrare dell'investimento, ed ipotizzando di pagare solo 60 euro per la bolletta residua annuale si risparmiano 120 euro. Per risparmiare 120 euro annue in più se ne spendono 3000. Cosi i tempi di rientro risultano: 25 anni!!!!

Quindi ad oggi il solo vantaggio di un sistema di accumulo è non anticipare i costi della bolletta elettrica. Fintanto che lo scambio sul posto è in tale forma, la rete è il miglior sistema di accumuo possibile.